A volte ritornano: perché la fidelizzazione del cliente può fare la differenza

cloud di termini sul tema fidelizzazione cliente

Extralberghiero: il cliente di ieri ti può far ricco domani, vediamo
come.

Il settore dell’ospitalità extralberghiera è in espansione, forte nel panorama pre, più o meno stabile anche post lockdown. Molti sono i campi in cui questo nuovo “movimento” ha surclassato il classico sistema alberghiero, flessibilità, digitalizzazione, rapporto qualità-prezzo, marketing e chi più ne ha più ne metta.

Ci sono però alcune lezioncine “old but gold” che si possono e si devono portare anche in questo nuovo universo se più avanti, quando (e non se) la curva di crescita fletterà verso destra e in basso, potranno risultare decisive nel determinare chi ce la farà e chi no. 

Una di queste buone prassi che sembra essere stata un po’ dimenticata dallo sfavillante mondo dei B&B di lusso e non, è la cara vecchia fidelizzazione del cliente. Già, perchè quando hai un bel flusso di richieste, costi bassi e il 90% di prenotazioni che arrivano dritte dritte dai portaloni come Booking.com ed AirBnB, la fidelizzazione può sembrare una scomoda utopia da inseguire e non è del tutto sbagliato.

In realtà però la “differenza” la fanno proprio le cose difficili da conseguire ed il momento di porre le basi per conseguirle non è quando se ne manifesta l’assoluta necessità, ma prima, quando sembrano non necessarie e ci sono i margini di tempo e di risorse per investire nel futuro.

Quanto “costa” acquisire un nuovo cliente?

Fidelizzazione quindi, sembra un concetto facile ma in realtà non lo è. Ora potremmo spendere molto tempo a parlare di termini altisonanti come Loyalty Program, Lifetime Value, Retention etc… quelli che piacciono tanto ai nostri amici tecnici del mondo alberghiero. Ma noi siamo Extra e parliamo come mangiamo, perciò ecco come stanno le cose.

Acquisire un nuovo cliente costa molto. Per avere un’idea di quanto spendete per acquisire i vostri clienti fate un semplice calcolo: sommate il costo di tutte le spese di intermediazione e promozione sostenute in un anno (dalle commissioni OTA alle sponsorizzate fino alla cena offerta al parente che vi ha fatto le foto delle camere) e dividete per il numero di prenotazioni entrate nello stesso periodo.

Ottimo, se non avete già deciso di chiudere la vostra attività, potete proseguire nella lettura con nuova consapevolezza.

Quanto puoi “guardagnarci”, invece, ad avere più clienti di ritorno che nuovi?

A fronte di ciò, un cliente di ritorno vi costerà molto meno e più alto sarà il vostro tasso di clienti di questo tipo maggiore sarà il risparmio che potrete produrre.

Oltre a ciò un cliente “leale”, che ha sposato il vostro brand o prodotto, vi porterà altri clienti, vi lascerà belle recensioni, sarà disposto a perdonarvi sbavature occasionali e tenderà a tornare da voi anche quando la domanda potrebbe flettere per motivi esterni.

Ma più importante di ogni altra cosa, un cliente fidelizzato vi comprerà sempre ad un prezzo più alto di quanto sia disposto a pagare il libero mercato, a patto ovviamente, che non abbiate fatto l’errore di utilizzare solo il vantaggio economico come argomento di fidelizzazione.

Bello no? Ma come si fa ad ottenere questo risultato?

Tecniche e buone prassi di fidelizzazione della clienta

“Eppure io” mi dirà qualcuno, “posto ogni giorno gattini e buongiornissimi sulla pagina del mio B&B” eppure continuo a lavorare quasi solo con grandepuffo.com. 

Esistono molteplici modi e strumenti, che si adatteranno più o meno bene alla vostra attività e a voi.

Volendo citare qualche esempio non esaustivo dell’argomento si pensi ai Programmi Fedeltà che quasi tutti i grandi marchi mettono in campo in tutti i settori, al loro interno si possono distinguere diverse categorie di approcci come “club esclusivo”, “concorso a punti” etc..

Alcuni possono sembrare dozzinali ed il rischio di pensarli come tali è alto, ma se ben progettati sul target possono essere efficaci e aumentare addirittura la percezione qualitativa del vostro brand (ad es. il club millemiglia Alitalia).

Ma anche il lavoro di creazione contenuti sui social per molti versi ha valenza prevalentemente di fidelizzazione che si attua attraverso la trasmissione continua dei “valori del brand”. Come non citare la cura del prodotto e il suo posizionamento, più questo trova riscontro con l’aspettativa del cliente più avrà potere attrattivo.

Leggi anche: Facebook, Instagram,TikTok: Quale Social Scegliere Per Promuovere La Tua Struttura Extralberghiera?

Insomma le possibilità sono davvero molte e di sicuro non vi basterà un solo strumento/canale ma vi servirà un set di strumenti selezionati a partire dalle informazioni che dovrete aver raccolto sul vostro pubblico. Niente paura, per iniziare possono bastare poche informazioni deducibili dalle “abitudini di acquisto” senza dover ricorrere a questionari improbabili, l’importante è iniziare a documentarsi oppure rivolgersi a chi può supportarvi in questo percorso fondamentale per il futuro della vostra attività.

ExtraPro360 nasce proprio per supportare le strutture dell’extralberghiero in questo delicato lavoro di fidelizzazione della clientela offrendo strumenti e competenze a 360°. Scopri come possiamo aiutarti.

Richiedi una consulenza senza impegno compilando il form di contatto.

Condividi questo articolo

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su twitter
Condividi su email

Leggi anche:

Un team di esperti e una strategia integrata. what else?

Per rimanere sempre aggiornato, iscriviti alla Newsletter

small_c_popup.png

Parliamone insieme 😉

Scopri come abbiamo aiutato tanti Operatori